Scuola di Narrazione Territoriale SNT

“Non c’è terra senza storia, non c’è storia senza narrazione…”
G. Boatti, Un paese ben coltivato. Viaggio nell’Italia che torna alla terra e, forse, a se stessa. Laterza Editori

Ci sono territori che, da tempo, parlano di sé: suggeriscono immagini e rievocano memorie producendo così un racconto suggestivo che attrae e attira.
Altri territori, invece, sono appartati, silenti, e sembrano incerti e riservati nell’esprimere quel potere evocativo che pure possiedono e che consentirebbe loro di rafforzare i legami di comunità, di rendersi maggiormente visibili, di attrarre e sviluppare una nuova stagione di flussi turistici, di attività culturali, produttive.  

L’Oltrepò, una delle aree fragili e interne dell’Appennino, è uno di questi territori apparentemente silenti: per questo è il luogo giusto per farvi nascere una
SCUOLA DI NARRAZIONE TERRITORIALE (SNT)
Destinati ad un massimo di 30 partecipanti gli incontri della SNT 2018 si rivolgono a operatori turistici, imprenditori, guide ambientali, animatori culturali, pubblici amministratori, insegnanti e studenti delle aree investite dal progetto OltrepoBioDiverso nonché a tutti coloro che, pur operando in altre aree, intendano approfondire le tematiche della valorizzazione territoriale attraverso la narrazione e la comunicazione.

Per poter essere ammessi alla SNT 2018 occorre presentare domanda di iscrizione entro il mese di marzo: la domanda di iscrizione può riguardare l’intero ciclo di tre incontri (di due giornate ciascuna) collocati nei mesi di aprile, maggio, giugno o la partecipazione solo ad alcuni degli incontri programmati.

Primo modulo
Territori silenziosi, aree fragili: alla ricerca della narrazione perduta.
Secondo modulo
O che bel castello: non c’è luogo senza storia, non c’è storia senza racconto.
Terzo modulo
Ciò che ha nome esiste: Oltrepò BioDiverso, ovvero nominare la natura.

Tutti i moduli previsti della SNT 2018 sono coordinati dallo scrittore Guido Conti, realizzatore de “La scuola del racconto”, corso in dodici volumi allegati a “Il Corriere della Sera”, ed autore di molti libri.
I lavori della scuola di narrazione si svolgono, alle date previste, articolandosi nella mattinata del sabato (dalle 9.30 alle 13 e dalle 14.30 alle 18, con intervallo di pranzo; e nella mattinata della domenica, dalle 9.30 alle 13).
A conclusione di ciascuno degli incontri della scuola di narrazione 2018 sono previsti eventi culturali aperti al pubblico.
Le iscrizioni si ricevono presso la sede della Fondazione Sviluppo Oltrepò, accedendo al sito del progetto Oltrepò BioDiverso o telefonando agli uffici della Fondazione stessa.

A chi si rivolge la Scuola di Narrazione Territoriale:

L’iniziativa è rivolta a tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nel progetto Oltrepò BioDiverso, vale a dire coltivatori, viticoltori, amministratori pubblici, insegnanti, studenti degli istituti superiori e universitari, ricercatori, professionisti della ristorazione e delle attività turistiche, guide ambientali, naturalisti, professionisti della comunicazione e animatori di attività  culturali, lavoratori di cooperative attive nella valorizzazione del territorio  della ristorazione, operatori a presidio di musei, parchi naturali, etc etc.
Si consiglia di seguire tutti gli incontri organizzati dalla Scuola di Narrazione Territoriale, così da usufruire dell’intera e ponderata proposta del progetto. Per questo si è pensato di offrire un costo di iscrizione agevolato per chi volesse seguire i tre moduli offerti in questo primo ciclo.
Sarà possibile iscriversi anche ad un solo modulo alla volta, tenendo presente però che si darà priorità a chi aderisce all’intero proposta, e, a seguire, stante le residue disponibilità, alle iscrizioni ai singoli moduli.
L’ammissione alla SNT e la conferma dell’avvio degli incontri verranno comunicati agli iscritti entro la prima settimana di aprile.
La quota di partecipazione – all’intero ciclo o ad uno dei moduli in cui si struttura –  da versare solo a conferma dell’accettazione dell’iscrizione da parte degli organizzatori – è di 120 euro a modulo e, per tutti tre i moduli, di 300 euro. Riduzioni sono riservate agli studenti universitari e agli insegnanti.